Peccato mortale

Se vuoi leggere l’approfondimento sul tema di oggi qui accennato clicca a destra sul titolo (oppure scegli il titolo che più ti aggrada).


Se vuoi esprimere il tuo pensiero, o se in qualche modo vuoi parlarci, clicca QUI! dove puoi digitare il tuo nome e quello che pensi; ricordati poi di cliccare il bottone “Commento all’articolo” .


Qualche volta credo sia opportuno anche parlare del peccato, sebbene sia bello parlare sempre dell’amore di Dio e della sua misericordia.

Peccato mortale
Non più lontano di quattro ore or sono mi è stato chiesto quale è un peccato mortale.
Di solito si annoverano tre scalini in crescendo, che guardano il peccato, solo con il bilancino della “gravità della materia”; e così troviamo il peccato veniale (cose da poco), quello grave (molto importante) e quello mortale (che provoca la morte). Raffreddore, polmonite, cancro inguaribile.
Ad aiutarci ci sovviene proprio l’aggettivo “mortale”. È un’azione che va contro la vita. Non vorrei ritornare su quanto ho scritto in uno di questi articolini, nel quale partivo da Dio, vivo e vero, che contagia della sua vita tutto il creato, e in modo particolare l’uomo.
Al di là di ogni distinzione, ogni azione contro la vita di Dio e contro quella dell’uomo, rientra poco o tanto nella zona di morte del peccato mortale.
Per caratterizzare Satana nel suo operare malefico, l’evangelista Giovanni afferma: “Egli [il diavolo] era omicida fin dall’inizio” (Gv 8, 44). Nella prima lettera di Giovanni è richiamato l’omicidio, che è dentro l’odio, ossia contro la vita del prossimo: “Chi odia il proprio fratello [odio che vuol annientare l’altro], è omicida” (1a Gv 3, 15).
Mortale è ciò che porta alla morte.