Gesù sempre nuovo

Se vuoi leggere l’approfondimento su tutto il tema di oggi qui accennato clicca a destra sul titolo (oppure scegli il titolo che più ti aggrada).


Se vuoi esprimere il tuo pensiero, o se in qualche modo vuoi parlarci, clicca QUI! dove puoi digitare il tuo nome e quello che pensi; ricordati poi di cliccare il bottone “Commento all’articolo” .


Quando arriva il Natale il cuore ringiovanisce. Riprendiamo il nostro colloquio,dopo una forzata assenza.

Gesù sempre nuovo
Torah e Logos. Il Logos divenne carne.
Perciò sono opposti un codice e una persona. La legge, ossia la Torah, offre una rassicurazione, sebbene impegnativa, ma apprensibile anche per la sua staticità, che non è sfuggente.
Evidentemente il pauroso preferisce la fissità, mentre la persona che ama il progresso, cerca chi cammina.
Qualche cosa di analogo può accadere nella Chiesa, dove spesso il Diritto Canonico tenta di prevalere sull’Eucarestia, che è “viatico”, cibo per chi cammina.
La costituzione degli stati per rispondere a nuove esigenze deve riformarsi. Cristo è ieri, oggi, e sempre. Papa Giovanni indicava l’”aggiornamento” della istituzione Chiesa, ma non poteva aggiornare l’Eucarestia, soltanto alcune norme che accompagnavano l’Eucarestia.
Mentre gli Israeliti si abbarbicavano alla Legge, Gesù chiedeva fede nella sua Persona, perché in essa c’era Dio, il Padre, il quale essendo eterno è sempre. Gesù, tra di noi, chiesa sorretta dal Vangelo e dall’Eucarestia, si insempra della nostra fede di ogni giorno, per vivere il Natale sempre come nuovo, come il vero ultimo cri.