Gesù consola

Gesù consola
Di fronte a ogni “Consolazione della filosofia” di Boezio e dei milioni di filosofi e teologi, Gesù porta, concretamente la consolazione della preghiera, della fiducia nel Padre, della soavità dello Spirito Santo.
Certe consolazioni possono acquietare la mente, se sono “spiegazioni” più o meno indovinate dalla psicologia, o dalle canne fumate, però il cuore nella sua pienezza profonda (esistenza) è confortato solo da Colui, che ha costruito il cuore stesso.
Rimane sempre indicativa la celebre frase di S. Agostino: “Il cuore l’hai fatto in tensione verso di te, e resta sempre inquieto fino a che non approda in te, dove si trova la quiete”.
È certo che se incontriamo una persona che sinceramente ci ama per ciò che siamo, e che noi possiamo amare per ciò che è (amare, essere amati, riamare) la nostra vita trova un porto tranquillo. Tuttavia rimane sempre qualche cosa di incompleto in quell’amore, fino a che i due non convivano nel profondo del cuore, un amore a Dio, intensamente condiviso. Ogni amore umano, del singolo o della coppia, trova completezza nell’amore di Dio.
È opportuno ammettere che tutta la filosofia studiata e anche condivisa, non riesce a tranquillizzare, perché dentro di noi riemerge quel “Ma sarà proprio vero?”. O tutte le offerte di felicità urlate dalla pubblicità, riescono a riempirci di felicità, oppure solamente a vuotarci le tasche?
Ma quando la realtà di Dio mi si accosta, mi presenta Gesù risorto e, con lui, la speranza “della gloria”, allora si inizia la felicità.
21.03.18

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.