In Lui la vita

In Lui la vita
Ricordo, dopo i miei studi di filosofia, quel pensatore che indicava, come l’uomo è fatto per la morte, perché la vera percezione dell’esistente si ha tramite il nulla.
Poi leggo Gesù che dice: “Io venni affinché abbiano vita, e ab-biano eccedente” (Io 10,10). Si tratta di una vita piena tracimante, seb-bene il testo parli di tracimante, ma non come attributo di vita, almeno grammaticalmente, ma forse come un accusativo avverbiale. Tra le due posizioni, vivere per la morte, e vivere per la vita, io, avendo un debole per Gesù, preferisco decisamente la posizione propria di Gesù.
Nel Logos era la vita. Quando il Logos divenne “carne”, non ven-ne per riparare la vita ferita dal peccato, ma per compiere nel tempo il suo essere vita “nell’eterno”. L’incarnazione completò il dono di Dio Cre-atore. Era luce e vita, che dovevano distendersi anche nel tempo. Pur-troppo nel tempo incontrò anche il peccato, e quindi la sua presenza pu-rificò anche quello.
La tracimazione della sua vita non solo si estese nel tempo, ma travalicò il tempo per “completarsi” oltre e fuori del tempo, dove tutti noi siamo invitati e portati a vivere in modo nuovo, divino, che ancora non ci è dato di definire. L’infinito non si sottopone a nessuna definizione, proprio per la contraddizione dei termini.
Il mio debole per Gesù mi nasce anche dal sapere che “dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto, e dono rispondente al dono” (Gv 1, 16).
Non viviamo per la morte, ma in Gesù viviamo nella vita, per la vita.
12.01.19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.