La vita sua è nostra

La vita sua è nostra
Soffermarci a riflettere sul nostro esistere, ci aiuta a considerare in modo nuovo molte cose.
L’esistenza, cioè l’esserci, è un bel mistero, che non dipende dall’uomo. L’uomo è incapace di farsi esistere: egli semplicemente è.
Tutto il cosmo non si è fatto esistere. L’esistente assoluto, Dio, pone l’universo nell’esistenza. Lui, esistente eternamente in sé, partecipa alla creazione la sua esistenza.
I miti dell’inizio ricordati nella Genesi, si esprimono in modo quasi indeciso, eppure significativo. Le “cose” e gli animali sono sotto la denominazione “egli disse e la cosa avvenne”. L’esistenza dell’uomo è descritta come un intervento diretto di Dio. Sembra che in quel “disse e avvenne” ci corra una distanza tra Dio e la creazione; però quando si trattò dell’esistenza dell’uomo, Dio “modellò l’uomo con la polvere del terreno, e soffiò nelle sue narici un alito di vita: così l’uomo divenne un essere vivente” (Gn 2, 7).
Come si arguisce, Dio si diede da fare per costruire l’uomo con le sue stesse mani: non distanza, ma azione diretta.
Fino a un certo punto l’uomo partecipò del resto creato (la polvere), ma poi la partecipazione arrivò direttamente da Dio: soffia il proprio respiro di vita, per rendere l’uomo partecipe della sua stessa vita: lo rese vivente, perché partecipe del respiro di Dio: respiro è vita. Vita che si trasmette, e che continua (essere vivente!). Adamo visse per la vita di Dio, trasmessa.
Gesù: io e il Padre siamo una cosa sola. Come io vivo per il Padre (vita continua compartecipe), così voi vivete per (mediante) me.
25.02.18

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*