Misericordia e sacrificio

Misericordia e sacrificio
Nella messa di stamani (vedere la data in calce, per trovare il giorno esatto), Gesù, il mite e umile di cuore – come si dice – non si lascia mettere i piedi sulla testa.
I farisei criticano i discepoli di Gesù, i quali si presero il lusso di patir fame perfino in giorno di sabato, e per sfamarsi, anziché recarsi in rosticceria, si accontentarono di strappare qualche spiga e di far tacere la fame. Per i farisei le azioni dei discepoli rappresentavano un lavoro, proibito in giorno di festa.
Gesù non si lascia vincere. Difende i suoi, addirittura portando in campo la Bibbia. Pane per focaccia. La bellezza delle parole di Gesù, nelle quali si raggruma la saggezza “divina”, fanno notare che l’uomo non è al servizio della legge sabatica, ma la legge è a servizio dell’uomo. Il figlio dell’uomo (comunque si intenda questa frase) è padrone del sabato.
Il perché è profondo: la misericordia è superiore al sacrificio. La posizione di Gesù è liberante.
Tra le molte cose, in questa frase, noi possiamo collocare anche la domenica cristiana.
La misericordia del Padre la domenica ci chiama a gustare non tanto il “sacrificio” della Messa, ma la misericordia di Dio che si esprime nel parlarci e nell’offrire Gesù. Non precisamente il Gesù sacrificato, ma il Gesù risorto e vivente.
Quando lo Spirito ci colloca nel piano di Dio, incontriamo la misericordia. Quando rasentiamo la terra del dominio dell’uomo, incontriamo il sacrificio.
20.07.18

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*